Workaway, prima esperienza

Ho di nuovo il wi-fi, una banca a 5 minuti da casa e sono nuovamente circondata da un sacco di turisti.

Ho trascorso infatti la scorsa settimana a Ttio, un paesino che non compare su google maps.
Circondata solo dalle montagne, da pochi altri viaggiatori, cani e gatti.

È stato il mio primo workaway e mi rimarrà nel cuore.

Per chi non lo conoscesse si tratta di un sito internet dove chiunque puó chiedere un aiuto (lavorativo) in cambio di alloggio e spesso anche di cibo.

Workaway-Viaggiare Aiutando
Workaway-Viaggiare Aiutando

La trovo un’idea geniale. In questo modo si puó stare dei mesi in viaggio senza dover avere una grande quantità di denaro e soprattutto vivendo delle esperienze uniche. Differenti da quelle del semplice turista.

In una settimana ho conosciuto e convissuto con un peruviano, due cileni, tre argentine, quattro tedeschi, una ragazza costaricana, una belga e una australiana.
In piú con quattro cani adorabili e un gatto perennemente affamato.

Workaway-Viaggiare Aiutando
Preparazione Cioccolato

Per la prima volta in vita mia ho sbucciato semi di cioccolato per fare la cioccolata calda e ottimi pancakes alla banana.
Una mattina abbiamo fatto yoga facendo il saluto al sole circondati dalle montagne e poi ho disegnato e dipinto un sole in stile inca con l’aiuto di un’altra volontaria.

Ho assaggiato il mio primo platano fritto e ho mangiato nella strada da una donna che parla solo Quechua in cambio di fagioli.
Al mattino facevo la doccia guardando le montagne e una sera ho cucinato per tutti la mia prima pizza fatta in casa.
Ho scalato due montagne una piú bella dell’altra (approfondimento nel prossimo post) e ho attraversato un ponte Inca.

Yoga al mattino
Ponte Inca Peru
Disegno di un sole
Montagna dei Sette Colori con Amici

E infine soprattutto ho riso tanto, perché seppur parlando lingue diverse, con ognuna delle persone con le quali ho condiviso questa settimana mi sono sentita in sintonia dopo la prima occhiata.

Per questi motivi oggi mi sento di lasciarvi con un piccolo consiglio: uscite dalla vostra area di comfort zone, dimenticatevi per qualche giorni dei vestiti puliti, dell’acqua calda e del caldo della vostra casa e lasciate entrare tutto ció che é nuovo e che non avete mai provato, perché veramente ne vale la pena.

R.

Commenti Facebook
By |2018-10-04T10:55:33+00:00ottobre 4th, 2018|Volontariato|0 Comments

Leave A Comment