La mia nuova vita da volontaria

Una nuova casa, una nuova famiglia, nuovi orari, nuove abitudini e un nuovo lavoro.

Ecco, così è cambiata da un giorno all’altro la mia vita in Cusco.

Il mio letto non è più in un ostello in pieno centro, con giovani da tutto il mondo che ballano tutta la notte.Ma in una casa, in un quartiere peruviano, con una famiglia. La colazione é alle 7:45 e la cena alle 19.30.

Ai giovani da tutto il mondo si sono sostituiti una nonna che mi prepara deliziosi pasti tradizionali, due bambini super dolci, di tre e cinque anni, che tutte le mattine mi dicono “buenos dias” e un cagnolino iper attivo che saltella in continuazione. Sono trattata come una nipote e dopo un giorno già la adoro.

Cucciolo di cane a Cusco

E giusto per farvi entrare del tutto in questo nuovo mondo vi voglio descrivere l’inizio della mia giornata:
alle 7.45 c’è la colazione, preparata ovviamente dalla nonna a cui giá mi sto abituando: frutta con cereali, tè e due panini con il formaggio (i miei preferiti) o con la marmellata.

Colazione peruana

Poi si parte, direzione Kinder, ovvero quello che per noi é l’asilo, materna.
Per arrivare a lavoro passo davanti un enorme centro commerciale chiamato “la confraternidad”. Ecco, non immaginatevi i nostri centri commerciali europei.
Questo è fatto di tante piccole botteghe come una specie di grande mercato coperto. Davanti, mille baracchini di strada che emettono degli odori difficili da dimenticare, soprattutto alle 8 del mattino, e che ti vendono il cibo più svariato, dal fritto alla frutta, a prezzi stracciati.

Poi sorpasso i binari della stazione, dove si respira lo smog delle innumerevoli macchine di Avenida del Sol, la via principale del centro. In questa strada non esiste il silenzio, infatti i clacson delle macchine suonano a tutte le ore senza sosta e senza un apparente motivo.

Confraternidad a Cusco
Ferrovia di Cusco

Per riassumere, alle 8.30, dopo 15 minuti di cammino, arrivata a lavoro, il mio udito, la mia vista, e il mio olfatto sono già andati.

In compenso l’asilo dove lavoro si trova sopra il centro artigianale di Cusco, un mercato super carino.
Dentro ci sono decine di botteghe che vendono i tipici prodotti di Cusco, capelli, borse, maglioni, scarpe e altre migliaia di souvenirs. Contrattare qui è la regola, ma di solito partono da prezzi piú bassi rispetto a quelli del centro.

Centro artigianale di Cusco
Borse fatte a mano-Cusco

Dopo un breve giretto nel mercato quindi salgo le scale e arrivo nella mia classe.
In quella che sarà la mia prima esperienza con i bambini.
Un’esperienza così disastrosa e gratificante che la lascio per il prossimo post.

Hasta luego

R.

Commenti Facebook
By |2018-09-21T02:55:25+00:00settembre 20th, 2018|Volontariato|0 Comments

Leave A Comment